All posts by Matteo Martin

01 Dic 2022

12 dicembre 2001

12 dicembre 2001 – Muore a Milano Peppino Prisco, avvocato, dirigente sportivo e alpino del btg. L’Aquila nelle cui fila partecipò alla guerra in Russia

01 Dic 2022

Dicembre 1957

Dicembre 1957  – A Milano, nella chiesa di San Sebastiano, su iniziativa di Peppino Prisco, la Movm padre Giovanni Brevi celebra la prima Messa a ricordo dei Caduti del btg. L’Aquila in Russia. Diventerà poi la Messa di Natale che ogni anno si celebra in Duomo a ricordo dei Caduti di tutte le guerre e dei soci “andati avanti”

01 Dic 2022

Dicembre 1923

Dicembre 1923 – Gli alpini in armi partecipano alle operazioni di soccorso a seguito del disastroso crollo della diga del Gleno in Val di Scalve nel bergamasco

01 Dic 2022

Dicembre 1908

Dicembre 1908 – Gli alpini in armi partecipano nelle operazioni di soccorso alle popolazioni della Calabria e Sicilia colpite dal terremoto. È il primo impiego di alpini al fuori dei compiti istituzionali

23 Nov 2022

Al Parco Fabbri di Rimini un monumento per il 150° del Corpo

Il 2022 è stato l’anno dell’Adunata degli alpini a Rimini ed è stato anche l’anno in cui il Corpo, fondato nel 1872, ha compiuto 150 anni. Per celebrare la ricorrenza, l’Associazione Nazionale Alpini, in collaborazione con la Sezione Bolognese-Romagnola e il locale Gruppo Alpini, ha scelto di realizzare un “Monumento dedicato al 150° Anniversario di costituzione del Corpo degli Alpini” e di donarlo a Rimini, per essere posizionato al Parco Fabbri.

L’ideatore-autore, Guglielmo Dotti, “vècio” alpino che negli Anni Sessanta ha prestato servizio nel 5° Artiglieria da montagna, ha immaginato l’opera come un excursus attraverso la storia delle penne nere: su un basamento arcuato, realizzato in blocchi di calcestruzzo, con impianto di illuminazione a led integrato, si ergono dodici figure di alpini, bidimensionali, a grandezza naturale, realizzate in acciao corten dal caratteristico color ruggine, che portano le divise del Corpo dal 1872 al 2004, anno in cui fu sospesa la leva obbligatoria.

Le ultime quattro, tra cui due rappresentanti della Protezione Civile Ana, salutano la Bandiera che sarà issata su un pennone alto nove metri. Alle loro spalle uno scenario in cui compaiono anche un dromedario, perché il primo impiego in missione degli alpini fu tra le dune africane e l’amato e fedele mulo, che per tanti decenni ha accompagnato i soldati della montagna. “Ho pensato – racconta Dotti – ad un’opera che fosse più didattica che monumentale, che fosse in grado di trasmettere anche ad un bimbo che va al parco col nonno l’immagine diretta di una storia tanto gloriosa. Gli alpini raffigurati non hanno atteggiamenti marziali o eroici, ma sono ritratti come tutti noi, giovani chiamati a servire la Patria e che a quel servizio si adeguarono, con il pensiero, soprattutto nei tempi di guerra, sempre rivolto alla baita, la casa lontana, e agli amici che non ce l’avevano fatta”.

L’inaugurazione è prevista sabato 3 dicembre al Parco Fabbri, a partire dalle 10.15 con l’ammassamento degli alpini, a cui seguiranno lo schieramento delle rappresentanze, gli onori al Labaro dell’Ana, l’alzabandiera e i discorsi delle autorità. Interverranno il comandante delle Truppe Alpine dell’Esercito, gen. c. a. Ignazio Gamba, il presidente dell’Associazione nazionale alpini, ing. Sebastiano Favero e per l’Amministrazione Comunale l’assessore Francesco Bragagni.

Il giorno precedente, venerdì 2, alle 14.30 sarà aperta sotto i portici del Palazzo comunale in piazza Cavour una Mostra fotografica dedicata al 150° degli Alpini; sempre venerdì, alle 18, al cinema Fulgor in corso d’Augusto 162, andrà in scena una narrazione di Sergio Stefani sui 150 anni, corredata delle immagini del Centro Studi Ana e dalla musica della Fanfara della Sezione Ana Abruzzi.

PROGRAMMA

Venerdì 2 dicembre

– ore 14.30: apertura mostra fotografica per il 150º – Portici del palazzo comunale in Piazza Cavour

– ore 18.00: 150 anni Alpini – Incontro a teatro presso Cinema Fulgor in Corso d’Augusto 162 (narrazione di Sergio Stefani dei 150 di storia Alpina – immagini del Centro Studi – musica Fanfara sezione Abruzzi)

Sabato 3 dicembre

– ore 10.15 Parco Fabbri – ammassamento

– ore 10.30 schieramento rappresentanze

– ore 10.45 onori al Labaro

– ore 11.00 alzabandiera a seguire inaugurazione monumento e discorsi autorità, chiusura cerimonia